Saint Laurent: Camicia in crepe-de-chine nera
Atelieronweb Online Shopping
menu
 Atelieronweb Online shopping
mid season sale: Login!


loading
 Saint%20Laurent%20 Fantasia.. DONNA
 Saint%20Laurent%20 Fantasia.. DONNA
 Saint%20Laurent%20 Fantasia.. DONNA
 Saint%20Laurent%20 Fantasia.. DONNA

SAINT LAURENT

CAMICIA IN CREPE-DE-CHINE NERA

Codice: 920748
Codice: 920748
loading...
(DDU – Customs and Taxes Unpaid) Nessuna tassa doganale per ordini sotto 800 USD
mid season sale: Login!
TAGLIE DISPONIBILI
i
DEVI SELEZIONARE UNA TAGLIA
AGGIUNGI AL CARRELLO
AGGIUNGI AL CARRELLO
Alcune taglie dello stesso articolo possono avere sconti o prezzi alternativi perché fornite da boutique partner differenti
Saint Laurent
Motivo Mickey Mouse stampato su tutta la superficie
Seta 100%
La modella indossa la taglia La modella è alta 176 cm e indossa la taglia 40.
“Non dobbiamo mai confondere l'eleganza con l'essere snob”
All’età di 17 anni lavora già la fianco di Dior, cui succede nel ’57 fino alla creazione della propria maison nel ’62, insieme al socio e compagno Pierre Bergè. Da allora la firma acquisterà sempre più fama e prestigio, divenendo simbolo di eleganza e innovazione continua: per primo Saint Laurent movimenta la moda prendendo ispirazione e suggestioni “dalla strada”, mentre sua è l’intuizione di trasferire alcuni capi del guardaroba maschile in quello femminile. Crea scalpore con la prima collezione audace e grintosa, molto poco politicamente corretta rispetto al conformismo sartoriale dell’epoca. Lo stilista sarà soprattutto l’antesignano di quel processo di commistione della moda con l’arte e la pittura (per cui nutrirà sempre una forte passione) e ancora con il folklore, il teatro e la letteratura. Non a caso quella di Saint Laurent sarà la prima maison a godere di una retrospettiva al Metropolitan Museum di New York. Spinto da una grande carica di vitalità e una dirompente passione Saint Laurent saprà comunque dosare sapientemente la propria creatività multiforme e trasformarla in geniali intuizioni commerciali. Nel ’99 la Yves Saint Laurent viene acquisita da Gucci: Tom Ford curerà il prêt-à-porter, Saint Laurent l’haute-couture. La maison verrà chiusa nel 2002, ma con Gucci continuerà a sopravvivere il marchio: Stefano Pilati succederà a Tom Ford, mentre Yves Saint Laurent si spegnerà nel 2008, dopo una lunga malattia.